Cookies

19 gennaio 2013

mood: Il braccialetto della felicità

oggi faccio una mini recensione del libro che sto leggendo ma non vi svelerò nulla della trama perché sennò non lo leggete.. sono partita un po' molto prevenuta con questo libro perché l'anno scorso, esattamente lo scorso compleanno, ho ricevuto in regalo il suo libro, "Un regalo da Tiffany" da una mia cara amica che dei miei gusti non ha ancora capito niente ma vabbè! purtroppo mi sono fatta una brutta fama perché io ADORO Tiffany, perciò lei ha giustamente pensato di regalarmi il libro che ho trovato un'emerita schifezza (amiche, amici, quando dovete regalare un libro vi prego, VI SCONGIURO, leggete le recensioni su internet.. fate un regalo migliore lasciandolo in libreria!!) quindi non a tutti i torti ho pensato che l'ennesimo libro di Melissa Hill fosse una boiata come il precedente.. però siccome a me piacciono le storie un po' intricate e sentimentali (non regalatemi romanzi rosa!!), questo mi ha stupita! a parte le solite ambientazioni spazio-temporali (per la seconda volta mi trovo una storia ambientata a New York sotto Natale, che a dirla tutta non è che faccia proprio schifo schifo ma dai, Melì, un po' di fantasia!!!) trovo la storia molto carina, anche se come l'altro la scrittura non è molto fluida e spesso è quasi dilettantesca e la storia sia spesso molto scontata..
ancora non so come finisce, ma questo libro una cosa di buono me la sta lasciando: l'amore per il braccialetto e i ciondoli (ne ho parlato anche nel post precedente, e vi rimando ai ben più accessibili charms di Fossil in questo link qui) ma non so se a lui possa fare molto piacere questo discorso.. mica me li devo comprare io, eh!! ♥

9 commenti:

  1. Io avevo letto o comunque non tricordo chi mi disse che, pur non scommettendoci un soldo, si è dovuto ricredere su questo libro... boh :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si con l'altro è proprio un abisso!

      Elimina
  2. Non so quando lo vedo in libreria (perchè lo mettono sempre in primo piano non si sà perchè!) la mia mente lo identifica sempre come "cavolata"xD forse mi dovrò ricredere:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo è senza ombra di dubbio.. ma almeno ci sono intrecci strani che capisci solo alla fine, come piace a me.. oh, comunque il modo in cui è scritto è penoso, sottolineo XD

      Elimina
  3. io l'avevo letto e in effetti è un po' una cazzata... XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quale, questo? ahahhaha perché non hai letto quell'altro, "Un regalo da Tiffany"... questo in confronto è il premio Strega XDXD

      Elimina
  4. Il mio ragazzo voleva regalarmelo perché sa che adoro Audrey Hepburn e quindi "Colazione da Tiffany" ma leggendo appunto le recensioni su internet gli chiesi gentilmente se poteva scegliere un altro titolo così optò per "Il linguaggio segreto dei fiori"... che abbia fatto la scelta giusta? :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no aiuto è terribile!! ahahhaah hai fatto bene a farti cambiare regalo.. peccato che a me non l'avessero detto in anticipo, sennò non avrei sprecato tempo!

      Elimina
  5. oddio, io non riesco a finire questo libro. lo sto leggendo da qualcosa come una settimana e non ne cavo piede, non mi piace e son stata fortunata perchè me lo hanno regalato e non ho speso bei soldini io per questo "pacco" di libro. Un bacione

    RispondiElimina